Prove per un pianeta a colori

Genoma Films e l’Associazione Amici di Giana presentano la quarta edizione del Terraviva Film Festival, rassegna cinematografica e di cultura che, attraverso proiezioni di docufilm, lungometraggi e cortometraggi, un concorso cinematografico, talk e masterclass, mira a sviluppare una cultura dell’unione e una conoscenza e comprensione dell’altro e delle diverse identità, e una consapevolezza delle azioni positive per un futuro sostenibile.

Il Festival, in programma dal 22 al 26 novembre 2023, intende contribuire allo sviluppo dell’inclusione, alla sensibilizzazione verso i temi ambientali, strettamente legati alle migrazioni e alla genesi dei conflitti, e a far conoscere alcuni tra gli artisti emergenti e più interessanti espressione dei paesi del sud e dell’est del mondo.

Il festival si tiene in presenza a Casalecchio di Reno al Teatro Laura Betti e al DAMSLab a Bologna e online sulla piattaforma di Mymovies. Il programma potrebbe subire variazioni.

Una cultura dell’Unione

Terraviva Film Festival vuol contribuire a sviluppare la cultura dell’unione e della conoscenza dell’altro, così da superare le marginalità, le fragilità, l’esclusione e il conflitto.

Due sono gli aspetti su cui si incentra principalmente: la personalità che si definisce nella relazione con gli altri. Le differenze sono un valore e vanno conosciute e riconosciute, per valorizzare il rispetto delle persone e dell’ambiente. L’obiettivo è la diffusione della cultura dell’unione e della conoscenza dell’altro.

lo stato attuale del Pianeta e l’impatto dell’uomo sulla natura, il legame tra le mutazioni climatiche, i flussi migratori, il depauperamento delle terre e i conflitti.

Il Festival Terraviva persegue una nuova azione culturale in grado di risvegliare un pensiero critico e costruttivo mettendo al centro l’incontro e la conoscenza dell’altro come antidoto alla disuguaglianza, alla povertà materiale e immateriale e alla marginalità.

L‘ evento, realizzato in collaborazione con il Comune di Casalecchio di Reno (Bo) e con DAMSLab, con il riconoscimento del Ministero della Cultura e del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, consiste in un festival cinematografico e di cultura che promuove, sviluppa e approfondisce i temi dell’inclusione sociale, dell’integrazione, dell’immigrazione e della tutela dell’ambiente, dialogando anche in modo interattivo e partecipato con i giovani del territorio.

La giuria

Il festival è un concorso cinematografico con giuria e premio finale. La giuria è ripartita in due sezioni: la prima composta da studenti e la seconda da esperti del settore.

Madrina del Festival sarà l’attrice ed educatrice Priscilla Muscat.

Non solo cinema

Il programma delle giornate del festival sarà sviluppato organizzando eventi tematicamente congrui ai film in proiezione secondo due principali dinamiche:

– Laboratori e workshop formativi dedicati in particolare a giovani interessati a conoscere meglio i “mestieri del cinema”. Saranno tenuti da professionisti del settore che potranno condurli in chiave espressamente didattica o come testimonianza.

– Talk ed eventi live destinati al grande pubblico, dedicati alla sensibilizzazione sui temi prescelti.

Comunicazione

Seguici su Facebook e Instagram